Sciamano

Il Tamburo dello Sciamano

Sciamano

GRANDE RITO DEL FUOCO DEGLI ANTENATI

ottenere amore e protezione dalla povertà e dalle malattie

(21 - 22 ottobre 2017)

Questo Rito si compie da tempi antichissimi all'inizio della stagione fredda, per pregare e consacrare il Fuoco che riscalderà le case fino a primavera inoltrata, proteggendoci dalle malattie dovute al freddo e all'umidità, e da tutti i rigori dell'inverno.
Si tratta appunto di Riti ancestrali, in cui si invoca l'aiuto e la protezione delle Fiamme, che riscaldano e rendono digeribile il cibo ai nostri Avi fin dalla preistoria.
In questa potente versione del Rito, il Fuoco farà da portale per gli Spiriti degli Antenati, i quali verranno in visione a ciascuno ad arrecare consiglio, conforto e protezione per l'anno a venire.

I Poteri del Rito del Fuoco

La protezione dalle malattie e dal rigore dell'inverno è però solo l'effetto materiale del Rito.
I Riti hanno poteri "stratificati".
Il Fuoco consacrato e invocato ci proteggerà dalla povertà ossia dai disagi economici - che anticamente erano conseguenza del freddo, sia per i cacciatori sia per i contadini.
Al Fuoco potrà rivolgersi chi è in cerca di lavoro o di una nuova occupazione o chi tema per le sue finanze nel prossimo futuro.

Il Focolare inoltre riscalderà i nostri cuori, proteggendo o favorendo l'amore e la vita affettiva e in generale la propria famiglia.
Chi anche sia alla ricerca di una relazione d'amore, potrà richiederla ed essere esaudito dai Poteri del Fuoco.

Infine viene compiuto il Rito del Fuoco affinché ci risparmi i suoi Poteri ostili: protezione dagli incendi e dalle disgrazie dovute al Fuoco, al fumo e al calore; protezione dalla collera e dagli eccessi emotivi nostri e altrui, dalle malattie infiammatorie o dovute al freddo e dalle infezioni.

Il Fuoco degli Antenati

Il Fuoco, consacrato in un modo particolare e diverso dal consueto, prende il nome ancestrale di gaanzer e apre una porta verso i Mondi dei Defunti.
Gli Spiriti degli Antenati di ciascuno verranno attraverso il Fuoco, durante il Rito notturno, per recare a voi conforto, consiglio e l'aiuto e la forza che vengono dal Potere della vostra Stirpe.
Potranno venire Avi che avete conosciuto in vita - come nonni o genitori - o di cui avete udito parlare o anche Avi che non avete mai conosciuto, ma che ugualmente vogliono vegliare su di voi
Non possiamo dire altro su questo Rito, che per la maggior parte va tenuto segreto.

Per coloro i quali hanno trovato la loro Madre Animale lo scorso gennaio:  chiameremo le vostre Madri Animali per questa occasione, poiché Lei appartiene alla vostra Stirpe, e tutte le Madri Animali aggiungeranno i loro Poteri al Cerchio, a beneficio di tutti.
I vostri Doppi Animali si riscaderanno al Fuoco, in preparazione dell'inverno e vi sarà inoltre insegnato come prendersi cura e rafforzare il Doppio durante i mesi freddi fino alla primavera.

Programma del weekend

Il programma è in parte riservato, ma possiamo dire che:

Il programma è indicativo e può venire cambiato anche all'ultimo momento per volontà degli Spiriti, tuttavia in ogni caso la sostanza della Cerimonia e le conoscenze e i Poteri messi a disposizione resteranno gli stessi.

IN SINTESI

Questo è un Rito per chiedere al Fuoco e ai vostri Antenati:

-- protezione dalla povertà e dalle difficoltà economiche

-- protezione per la famiglia

-- calore, amore e felicità affettiva

-- vigore e buona salute

-- protezione dalle malattie, dalle infiammazioni e dagli incidenti

-- protezione sia dalla solitudine sia dagli eccessi emotivi

Gli Antenati di ciascuno saranno evocati attraverso il portale del Fuoco e potranno portarvi visioni sull'anno a venire, consigli, conforto e Potere di risolvere problemi o realizzare obiettivi.

Tutti riporteranno a casa "qualcosa" per consacrare il loro Fuoco casalingo, anche se proviene da una caldaia o altro impianto di riscaldamento. 

Requisiti per partecipare

Il Rito è aperto a chi abbia già una pur minima esperienza sciamanica.

Può partecipare:

Se non avete i requisiti di cui sopra, ma credete di avere una minima esperienza sciamanica, scrivete a eventi@sciamanesimo.org

Date, orari, luogo

Il Rito si terrà in un posto bellissimo, immerso nella Natura vicino a Lugano in Canton Ticino (Svizzera). Il luogo esatto sarà comunicato direttamente agli iscritti.
Inizieremo sabato 21 ottobre alle 9.30 di mattina. Termineremo domenica alle 13 circa.

Quota di partecipazione

La quota per partecipare è di 220 CHF (circa 192 euro), pasti inclusi.
Non è incluso il pernottamento, V. più sotto.

Alloggio, costi di pernottamento e pasti

Il pernottamento costa 30 CHF (ca. 26 euro) p/p, inclusa la prima colazione, in camerate a 6 letti.
È disponibile anche una camera doppia a 45 CHF (ca. 39 euro).

L'evento è residenziale e il soggiorno in loco è essenziale per mantenere la necessaria unità e calma durante i Riti e le visioni sciamaniche.

Uno dei pasti principali è incluso nella quota di partecipazione. Per l'altro invece l'importanza del Rito richiede il digiuno.

Modalità di iscrizione

Per iscrivervi è necessario inviare un acconto di 150 CHF (1).
Le iscrizioni saranno chiuse appena raggiunto il numero massimo e comunque entro le ore 18 di sabato 14 ottobre.

Il Rito sarà condotta da Francesco Tsunki, sciamano e curandero Shuar (Amazzonia).

Come sempre, parte del ricavato servirà a sostenere il popolo Shuar (noto un tempo come Jíbaro), detentore di una delle più importanti culture sciamaniche del mondo e che si sforza di conservare le sue tradizioni continuando a vivere di caccia e orticoltura sarchiata nella selva Amazzonica.

Per iscrivervi cliccate sul pulsante qui sotto e seguite le istruzioni. 
Se il pulsante non fosse disponibile, scrivete a eventi@sciamanesimo.org.

iscriviti