Sciamano

Il Tamburo dello Sciamano

Sciamano

Volete i Poteri dei veri sciamani?

Gli sciamani, di tutte le tradizioni, hanno dei Poteri.
Cosa questa di cui le varie forme di neo-sciamanismo, più o meno New Age, sembrano ignorare - come se sciamanizzare fosse solo viaggiare nell'Altra Realtà e incontrare degli Spiriti.
I Poteri dello sciamano sono doni degli Spiriti che lui o lei usano per migliorare la propria vita e soprattutto quella della propria comunità e del pianeta.

Ci sono Poteri di guarigione da varie malattie, poteri di vedere il futuro o cose lontane, di proteggersi da pericoli, di purificare le acque inquinate (!), di far crescere rigogliose le piante, di far venire il sole o la pioggia, di cambiare in meglio la fortuna delle persone...
Non c'è limite a ciò che può essere fatto nell'Altra Realtà.

Nella tradizione Shuar (Amazzonia), cui appartengo e la cui sapienza cerco di portare in Occidente, i Poteri degli Sciamani sono dati dalle Frecce magiche (o tséntsak), forze essenziali della Natura, che Nonna Terra è disposta a donare agli uomini, basta sapere come farseli dare.
In tempi ancestrali Tsunki, Spirito Signore del Mondo Sotto le Acque,di cui porto il nome, insegnò il metodo agli Shuar, altri Spiriti fecero lo stesso dono ad altri popoli.

Tra gli Shuar circa il 70 per cento o più degli uomini sono uwishìn (sciamani), ossia hanno un certo numero di Frecce magiche, ma solo pochi fanno davvero gli sciamani per lavoro.
La maggior parte ottiene i Poteri solo per la propria protezione personale, per gestire meglio la propria vita anche attraverso l'Altra Realtà e per praticare semplici guarigioni e rituali per se stessi e i propri intimi.
Mentre per le cose più gravi ci si rivolge a uno sciamano professionista.
Lo sciamano professionista ha Poteri in maggior numero e più forti, inoltre passa una grossa parte della sua vita a esercitarli.

Ora questa conoscenza Shuar la trasmetto anche qui in Occidente, in una serie di 3 ritiri condotti secondo il metodo tradizionale, praticato in Amazzonia.

Come in Amazzonia, il dono delle Frecce magiche non deve essere limitato a quei pochi che sono destinati a diventare sciamani, ma è offerto anche a tutti quelli che desiderano disporre di Poteri sciamanici solo per comprendere meglio l'Universo e la Vita e migliorare la propria esistenza e quella dei propri cari.

Inoltre, come svilupperemo in futuri Cerchi di Tamburo, chi ha il dono degli tséntsak potrà con essi contribuire al risanamento della Natura e del pianeta.

Gli Tséntsak o Frecce Magiche

Nella tradizione Shuar i Poteri sciamanici sono dati dagli tséntsak, Spiriti ausiliari che sono parzialmente materializzati e vivono nel corpo dello sciamano.
Proprio in quanto in parte materiali, appartengono a entrambe le realtà, il che li rende estremamente potenti.

Tséntsak nell'idioma Shuar significa freccia e più precisamente indica i dardi che si scagliano con la cerbottana.
Gli Spiriti ausiliari si chiamano così perché lo sciamano, professionista o meno, quando si "svegliano" li sente - letteralmente! - fischiare e sibilare intorno a sé come piccole frecce.
Gli tséntsak sono poteri essenziali di esseri naturali, piante, animali, pietre etc... sono cioè quel potere che sta all'origine dell'animale, della pianta o altro, nello strato più profondo della realtà, dove spirito e materia sono ancora fuse e indifferenziate. Per questo lo tséntsak non è né del tutto immateriale né del tutto materiale.
Spesso uno tséntsak ha una doppia natura, di pianta e ad es. di animale, perché all'origine quella data pianta e quel dato animale si sono sviluppati da un unico Potere.

Gli tséntsak si possono suddividere rozzamente in 4 tipi:

Gli tséntsak si possono ottenere in due modi: direttamente dalla Natura, con una procedura particolare che praticheremo appunto nei ritiri per ottenere i Poteri di Sciamano amazzonico; oppure per trasmissione diretta, fisica da uno sciamano professionista. Questi ultimi sono molte centinaia - assai più quindi di quanti se ne possano acquisire dalla Natura - e sono anche molto più potenti perché sono stati trasmessi di sciamano in sciamano per centinaia, forse migliaia d'anni, adattandosi sempre di più a collaborare con gli uomini.
La trasmissione fisica da un altro sciamano si fa solo per diventare sciamani professionisti, dopo che avete già ottenuto tséntsak dalla Natura in un discreto numero.

Gli tséntsak vivono nel corpo dello sciamano, nei suoi visceri e nel sangue e lui o lei infatti deve nutrirli. Quando non alimentati per lungo termpo, gli tséntsak si assopiscono divenendo inattivi, per poi risvegliarsi appena li si nutre nuovamente.
Ogni tséntsak ha un suo specifico Potere: alcuni servono per la protezione, altri se risvegliati ci permettono di attingere a qualità che non abbiamo, altri ci fanno vedere cosa accade in luoghi distanti, altri ancora si usano soprattutto per guarire malattie.
Spesso quando lo sciamano o una persona a lui o lei cara è in pericolo gli tséntsak si svegliano spontaneamente dando una Visione. Essi hanno anche infatti una specie di intelligenza collettiva, un po' come gli insetti.