TRE SOGNI IN UNA NOTTE : GRAVIDANZA E SANGUE MESTRUALE , RIUNIONE NEL MIO EX LAVORO, FORMAZIONE PER DOCENTI NEL PUB

L'interpretazione dei Sogni secondo gli Sciamani

Moderatori: Pinchuruwia, Mayu, Tuna

Rispondi
  • Autore
    Messaggio
secondavita
Messaggi: 17
Iscritto il: mar 20 feb 2018, 17:26

TRE SOGNI IN UNA NOTTE : GRAVIDANZA E SANGUE MESTRUALE , RIUNIONE NEL MIO EX LAVORO, FORMAZIONE PER DOCENTI NEL PUB

Messaggio Inviato da: secondavita » mar 15 set 2020, 18:02

GRAVIDANZA E SANGUE MESTRUALE

Mi cambio e avvolgo la mia nudità con un grande asciugamano di color bianco con riflessi azzurri. Esco da una casa a fare qualcosa e vado in giardino. Una ragazza che non conosco della mia età circa ma che nel sogno sembra essere un 'amica mi dice che sono macchiata di sangue, in effetti mi guardo e ho un grande alone di sangue mestruale color rosso vivo . Faccio mente locale e mi ricordo che in bagno era uscito del liquido dal mio corpo ma non mi ero resa conto . Le dico ma se lo sapevi perché non me lo hai detto prima e hai lasciato che me ne andassi via in giro così con la gente che mi ha visto ? Cerco di rimediare e riavvolgo l' asciugamano in modo da nascondere l'alone ma anche girando il panno dall'altro verso si vedono degli schizzi rossi . Poi la ragazza mi dice:sei in cinta. Mi guardo e vedo che ho una piccola pancia bassa grande come un pallone, sono in cinta ma io penso che il sangue mestruale non sia per il ciclo ma per un aborto che avverrà, tuttavia non sono preoccupata di essere gravida perché penso che sia una gravidanza falsa, isterica dato che non sono andata a letto con nessuno è impossibile che aspetto un bambino .
Mi tolgo l'asciugamano, per guardarmi meglio e vedo che sulla natica destra ho un mezzo pene attaccato di carne umana (la parte superiore dell'organo) , come se li fosse cresciuto in quel punto. Lo tocco è viscido di sperma. Non so cosa fare. Sono stanca ma so che devo lavorare e così mi ricopro con l'asciugamano mi siedo al PC che sta sul tavolo della cucina. Appena mi accomodo Mio padre mi chiama e mi dice se posso guardare che giorno è. Io seccata perché sono stanca e non mi voglio alzare gli rispondo da seduta, guarda il calendario che sta lì (lui è in soggiorno, seduto nell'altra stanza . Lui si irrita io controbatto e gli dico alza e guarda! Non mi alzo e litighiamo. Fine del sogno.


RIUNIONE NEL MIO EX LAVORO


Secondo sogno :mi ritrovo a partecipare ad una riunione della cooperativa dove lavoravo come operatore in penitenziario due anni fa. Noto che le mie colleghe arrivano alla riunione e non mi salutano, una si siede a fianco a me e guarda dritta e con totale indifferenza alla mia presenza si accende e si fuma una sigaretta (nella realtà non fuma) . L'unica a parlarmi è la mia ex titolare che mi dice se quando era morto Flavio mi avevano avvisato. (Flavio era un dipendente 61 anni con la barba della cooperativa, galeotto). Poi mi informa su una prossima riunione già programmata.

CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI DENTRO UN PUB

Terzo sogno :sono a fare un corso di formazione per docenti all' interno di un pub con i tavoli e le panchine di legno. Ho solo un quarto d'ora, l'intervallo per mangiare. Cerco un lavandino per lavarmi le mani ma sembra di essere dentro un labirinto con i tavoli e i separé di legno, vedo due o tre lavandini nella stanza e non riesco a raggiungerli. Finalmente arrivo ad lavandino che sta in un angolo mi lavo le mani e cerco di gettare la salvietta con cui mi sono asciugata nel cestino ma la carta è così leggera che cade a terra e non riesco a raccoglierla. Una docente sui 60 anni con gli occhiali, mi dice, trattandomi da studentella: vedrai che quando andrai a grafica (intesa come scuola) riuscirai a gettare la carta. Io la guardo stupita e le rispondo ma io ho fatto il liceo artistico (realtà) . Mi recò al tavolo per mangiare, guardo l'orologio del pub, mi resta poco, mi siedo e sono al tavolo con colleghi insegnanti che non ho mai conosciuti prima, sono tutti più grandi di me come quando lavoro a scuola . Chiedo cosa c'è da
mangiare. C'è della carne arrostita e delle patate fritte mi risponde un mio collega . Prendo la carne e chiedo ad una collega dai capelli biondi che sta seduta dopo il collega di passarmi le patate. Non risponde. Io mi prendo le patate di mia iniziativa senza capire se lei aveva finito di mangiare. Non mangio molto, sono stanca e decido di coricarmi e dormire sulla panchina a fianco del mio collega c(45 anni in poi) il quale sembra vegliare su di me mentre dormo . Fine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti