Articoli del mese: Maggio 2020

Virus secondo gli sciamani

Buenas tardes.

Questa pagliacciata del lockdown sta giungendo alla fine e, un pò alla volta, per gradi, ritorneremo alla vita normale; prima in alcuni Paesi piuttosto che in altri, vedi l’Italia, appunto. Perché dico “pagliacciata” ? Perché, naturalmente, il lockdown – come ho detto sempre – non era affatto necessario, sarebbe bastato del distanziamento sociale e delle cautele maggiori; semmai, un lockdown, soltanto per le persone a rischio.

E prova ne è che, naturalmente, in Svezia – dove non è stato fatto nessun lockdown – le cose sono andate come negli altri Paesi, non ci sono stati più morti che negli altri Paesi; sta andando giù, come dappertutto perché, semplicemente, col caldo, le influenze preferiscono non andare in giro.

Ma quello che mi premeva, qui, di dire…

Beh, prima facciamo una precisazione.

Adesso il lockdown si apre un po’ alla volta, ma bisogna che si apra un po’ alla volta; più lentamente in Italia che in Svizzera, per esempio.

Perché? Perché qui (in Svizzera ndr) siamo stati chiusi molto meno. In realtà, non abbiamo mai avuto nessun obbligo di “non uscire”, per esempio, anche se la maggioranza della gente era terrorizzata e stava chiusa dentro casa ed io, quando uscivo, trovavo il deserto; però, non eravamo obbligati a stare in casa… come in Italia.

Ma, quando le persone sono state rinchiuse, diventano tutti deboli come bambini, quindi, se ritornano, di colpo, alla vita normale, c’è il rischio di una seconda ondata dell’epidemia.

C’è il rischio, cioè, che la Pantera che – finora, ho detto si è ritirata perché, di per sé, preferisce non andare in giro d’Estate – vedendo delle prede, tanto deboli e succulente, magari cambi idea e decida di tornare in circolazione; di andare un po’ a caccia. Quindi, proprio perché vi siete rinchiusi molto, vi hanno rinchiuso molto, bisogna ritornare alla vita normale per gradi, lentamente, ecco. Quindi, tenete conto di questo.

Detto ciò… quello di cui mi premeva di parlare, qui, era spiegare perché dico che, ho detto dall’inizio – e l’ho detto dall’inizio, potete guardare i video – che l’epidemia, sarebbe andata probabilmente giù, col caldo e che, comunque, non erano necessarie misure così draconiane, come quelle che sono state prese.

E, al tempo stesso, però dico che ho fatto una trattativa, piuttosto articolata con lo Spirito dell’Epidemia…. la Pantera Nera – potete vedere alcuni video su questo – e ho detto, sì, che ho fatto una trattativa e, credo che si sia convinta, insomma, a calmarsi, per ora almeno e ad andarsene via. Cioè, andarsene via con l’Estate, però, non avevo forse detto che “comunque sarebbe andata via con l’Estate”? Quindi la mia trattativa cos’era una finzione o cosa? No, vi ho dato anche le Visioni della trattativa che sono, credo, state abbastanza significative, no? Non c’è una contraddizione tra le due cose.

Normalmente, la Pantera nera, normalmente un’influenza – che in questo caso è una Pantera nera ma, diciamo che sono degli Spiriti, anche di altre influenze, sono abbastanza simili – di norma, questi Spiriti preferiscono smettere di agire, mettersi a riposare e non andare a caccia…durante i mesi caldi. Preferiscono…non sono obbligati a fare così.

So che scienziati pensano, sempre, che il mondo sia tutto meccanico ma non è realmente meccanico, l’apparenza è meccanica, dietro c’è una volontà. Diciamo che, per la Pantera – come per le altre influenze che sono simili, anche se meno pericolose per noi – per la Pantera è meglio… è più conveniente, più piacevole non andare in giro d’Estate, mentre è meglio cacciare d’Inverno; o in Primavera ma non oltre la Primavera.

Ecco, quindi, la trattativa verte sul fatto di persuaderla a mantenere le sue abitudini normali, perché trattandosi di un’epidemia eccezionale, che provoca delle reazioni eccezionali e trovando la gente molto impaurita – siccome il suo Potere, ho detto, si fonda in gran parte sulla Paura – trovando la gente molto impaurita, la Pantera poteva essere tentata, di continuare ad agire anche d’Estate, avendo tanti bei bocconi succulenti, molto impauriti, in circolazione.

Quindi, il rischio di una seconda ondata c’è. Bisogna, perciò, riaprire molto lentamente, per non darle tentazioni. La mia trattativa serviva a convincerla ad andarsene via, andarsene in vacanza, durante i mesi Estivi. La trattativa – come ho detto – è andata a buon fine.

Cosa significa: “perché la Pantera preferisce non cacciare d’Estate”.

Ecco, la Visione che Sciamani hanno delle influenze e di altre epidemie è molto diversa da quella che possono avere i medici. Ma io non voglio dire che quelle dei Medici sono stupidaggini, sono fanfaluche, come sostengono delle persone anche sul nostro Forum – una persona veramente – no non credo affatto questo, credo, semplicemente, che quello che vedono i medici, gli scienziati sia corretto, però non vedono tutto il quadro. Un po’ più di questo, direi che, su molte cose, no? Possono avere un punto di vista scomodo, cioè non il più adatto.

 

E’ come se io assisto ad una partita di ping-pong. Se io assisto ad una partita di ping-pong, stando di lato al tavolo no? e vedo i due giocatori, uno alla mia destra ed uno alla mia sinistra, proprio ad alcuni metri da me e vedo che la pallina viene rilanciata dalla mazza, avanti, indietro e così via; è molto semplice capire quello che sta avvenendo.

Immaginate, però, di osservare una partita da ping-pong, non stando seduti a pochi metri dal tavolo ma stando posizionati sulla superficie della pallina. Allora, voi vedrete, lo stesso, tutto quello che avviene, solo che vi apparirà tutto complicatissimo: ci sarà un tavolo che si muove intorno a voi e che ogni tanto viene contro di voi e poi si riallontana; ci saranno delle mazze che ruotano intorno a voi ed, ogni tanto, vi arrivano addosso; tutto vi gira intorno in modo strano. Inoltre, la pallina ruota anche su sé stessa, spesso per via dell’effetto che gli viene dato apposta dal giocatore e, quindi, vedrà il tavolo ruotare totalmente intorno a sé, così come noi che ruotiamo intorno al Sole, vediamo, in realtà, il Sole ruotare intorno a noi.

Quindi, stando sulla superficie della pallina, voi vedreste un mondo complicatissimo, veramente complicatissimo e la partita di ping-pong, descritta da quella posizione è qualcosa di terribilmente complicato e, spesso, inestricabile. In realtà è soltanto perché avete il punto di vista sbagliato ma, quello che vedete, non è affatto sbagliato; è tutto giusto, però, siete in una posizione che vi da… una visuale complicata.

Ora, gli Scienziati, vedono soltanto i virus che si attaccano alle cellule.

Gli Sciamani hanno una Visione un po’ diversa, noi sappiamo che…vediamo altre cose, vediamo la Pantera. La Pantera è l’epidemia e la pantera…è lei che manda i virus solo che, gli scienziati, la pantera non possono vederla, perché sta nell’Altra Realtà e, quindi, qui non è visibile ma c’è, anzi, senza la pantera, tutto diventa molto più complicato; è lei a mandare i virus.

I virus sono i Wawèk della Pantera.

Wawèk è una parola Shuar, significa “Tséntsak che provoca malattia”. Eh “e Tséntsak cosa vuol dire”? È un’altra parola Shuar. Tséntsak significa “freccia”. Non la freccia che si tira con l’arco – quella degli Indiani – è il dardo, quello che si soffia con la cerbottana. Il dardo che ha, di solito, una cosa sulla coda per stabilizzarlo, no? Sottile bastoncino acuminato, normalmente.

Ecco, questo è lo Tséntsak… un dardo; è un nome evocativo.

Gli Tséntsak, nella realtà, sono degli oggetti molto piccoli che, per esempio, gli Sciamani hanno nella loro pancia; sono delle entità molto piccole e che possono venir lanciate verso qualcosa o qualcuno, allo scopo di produrre un risultato. Possono essere lanciate – soffiate, appunto – per fare del bene, o possono essere soffiate per fare del male.

Gli Tséntsak, noi Sciamani, li abbiamo appresi – diciamo – da Spiriti della Natura, perché molti Spiriti della Natura li utilizzano; utilizzano questo tipo di armi che servono a produrre dei risultati. Possono essere armi o strumenti, a seconda per cosa li usi.

Come un coltello, no? Un coltello potete usarlo per affettare il pane, oppure, potete usarlo per pugnalare qualcuno, no? E quando …lo Tséntsak come funziona nella conoscenza degli Sciamani? E’ semplice, io lancio lo Tséntsak contro un obiettivo, lo Tséntsak si conficca nell’obiettivo e provoca qualche cosa. Conficcandosi nell’obiettivo…provoca qualche cosa.

Naturalmente, se io sono uno Sciamano cattivo che ha intenzioni cattive, lancio uno Tséntsak che è chiamato Wawék, cioè uno Tséntsak cattivo che serve a fare del male. Allora, quando lo lancio… la persona, per esempio, si ammala, o viene colpita da malasorte; se lo facessi per… io mi occupo soltanto, di aiutare e curare persone non di farle stare male ma, volendo usare uno Tséntsak cattivo, farebbe questo.

E, anche noi Sciamani, curiamo estraendo lo Tséntsak – il Wawèk – dal corpo della persona, cioè succhiando con la bocca, aspirandolo e sputandolo via. In questo modo eliminiamo il Wawèk che sta provocando il danno alla persona.

La Pantera, così come un’altra epidemia, è uno Spirito che ha dei Wawèk, le sue armi sono, appunto, degli Tséntsak che usa e che lancia contro le persone.

Lo Tséntsak insegue la persona – si, se noi inviamo una freccia ma non è proprio una freccia, diciamo che è più simile a quei missili che sentono il calore dell’obiettivo no? Dell’aereo , per esempio, che devono inseguire lo inseguono, anche andando a zig zag e lo raggiungono, no? Assomiglia ad una cosa del genere – lancia lo Tséntsak verso l’obiettivo, lo Tséntsak insegue l’obiettivo, ci si conficca e provoca la malattia, provoca l’influenza; in questo caso, provoca la Covid-19.

Questo Tséntsak cos’è?” In questa Realtà, questo Tséntsak appare come il virus. In effetti, i virus, per gli scienziati, hanno delle punte con cui – che vengono chiamate spike, spikes – con cui si agganciano, con lo spike si aggancia alla cellula che vogliono infettare, no? Ed è esattamente questo, la punta è proprio lo Tséntsak; lo Tséntsak è fatto …è una cosa che ha una punta.

Il virus, quindi è uno Tséntsak della Pantera.

La Pantera è completamente nell’altra realtà è uno Spirito, diciamo, non è materiale è una forza che però non è materiale, non è nulla di materiale, quindi non può essere rilevata scientificamente; in questo Mondo non si può rilevarla. Sciamano può vederla, anche voi, imparando ad avere Visioni Sciamaniche, potete vederla, spesso nei Sogni ma non è in questa realtà.

Ma i Wawèk che lei lancia, entrano in questa realtà, sono materiali o diventano materiali, anche se molto, molto piccoli – virus appunto – invisibili ad occhio nudo, invisibili anche con un microscopio ottico, estremamente piccoli, però… materiali, esistono.

Anche gli Tséntsak che lo Sciamano ha nel suo corpo e che utilizza per fare del bene – per aiutare persone; per portare buona fortuna a qualcuno, per esempio, si può lanciare uno Tséntsak; o per altri scopi – questi Tséntsak che vivono nel nostro corpo e vivono, soprattutto, nello stomaco ma circolano anche nel sangue – diciamo che la matrice è nello stomaco, poi si fondono nel sangue – sono materiali; in effetti, hanno una parte materiale.

In effetti, noi li nutriamo, per questo dobbiamo alimentarli; li dobbiamo alimentare perché hanno una componente materiale. Li alimentiamo con acqua di tabacco – che è un tabacco verde dell’Amazzonia, non è il tabacco normale da sigaretta – o con Ayahuasca; con questo vengono alimentati. Hanno bisogno di nutrirsi, altrimenti entrano in uno stato di narcosi, di letargo.

Gli Tséntsak, già secondo uno studioso, che aveva studiato gli Tséntsak degli Shuar proprio ed era un medico che si occupava di etno-medicina (non ricordo più chi fosse) aveva già, questa persona, supposto che, gli Tséntsak lanciati dagli Sciamani Shuar – come sono io, in realtà – fossero dei virus, o dei proto-virus, qualcosa di simile ai virus. Ora, io non so dire se tutti gli Tséntsak sono virus.

Quando una persona ha un’infezione, normalmente, tutti quelli che hanno fatto i corsi con me, sanno che, se una persona ha un’infezione in una parte del corpo è possibile vedere che, in quella parte del corpo, c’è un Wawèk, sempre; anche se, chi visita, non ha idea che la persona ha un’infezione in quella parte del corpo, vede il Wawèk lì, e poi gli viene confermato “si io qui ho un’infiammazione”, per esempio. Infiammazione o infezione, c’è sempre un Wawèk associato.

Come sappiamo, alcune infezioni sono batteriche altre virali, quindi, uno può supporre che, Tséntsak, possano essere virus o batteri. Non so bene veramente è possibile che, le infezioni batteriche, siano sempre associate a qualcosa di virale, o a qualche forma di proto-virus, o di antecedente dei virus, di precursore dei virus cioè – es posible esta cosa, ya no se … però e possibile – e che, quindi, ci sia questo sostrato, per questo ci sia lo Tséntsak. Questo andrebbe d’accordo con la tesi che tutti gli Tséntsak sono dei virus o qualcosa simile a virus; cosa ancora più semplice dei virus, forse.

Però, a parte questa questione su cosa sono gli Tséntsak per gli Sciamani Shuar, posso dire per certo no? che i Virus lanciati da una Pantera, come quella che ha provocato questa epidemia qui, sono dei Wawèk, appunto, dei virus malefici – degli Tséntsak malefici, scusate – che appaiono qui, sotto forma di virus.

Allora la Pantera, vedete, lancia i virus quando va a caccia è allora che il virus si diffonde; fa in modo che il virus si diffonda…. cacciando.

Ma “la pantera caccia, quando e come”? Beh vedete, la pantera individua le sue prede, attraverso l’odore; “che odore?” diciamo così, principalmente – ho detto dipende dal predatore, dal predatore, dipende dal virus, appunto, dal tipo di influenza o da che cos’è – tutte quante sentono l’odore della Paura e, quindi, la paura attrae la malattia come attrae la malasorte, però, nel caso di questa, della Covid-19, nel caso di questa malattia qui, ho detto da subito che il suo Potere – essendo quello della Pantera nera che associato tipicamente alla Paura – suo Potere era molto legato alla Paura, questo vuol dire che lei segue, principalmente, si fa guidare, soprattutto, dall’odore della Paura. Sopratutto! Ha bisogno di sentire la Paura della preda, no?

Soprattutto questo la guida, quindi, più c’è paura più lei è attratta e, inoltre, la paura, l’odore della paura …la alimenta; perché Spiriti, essendo nell’Altra Realtà, possono alimentarsi con cose che noi percepiamo, qui, come odori.

La Paura la alimenta, le da forza; è un sistema di circolo vizioso, un sistema di “stimolo – risposta – rinforzo”, no? La Pantera sente l’odore della paura e, l’odore della paura, la spinge a cacciare la preda, no? e, però, la preda che ha paura – la paura che c’è nella preda – la alimenta, le da maggior forza ed avendo maggior forza cerca un’altra preda etc etc…e va avanti in questo modo.

Quindi è attratta dalla paura ed è attratta anche da altre cose. Tutti Spiriti, di tipo influenzale o Spiriti del raffreddore, sono attratti anche da un’altra cosa, dall’odore che le persone emettono quando hanno molto freddo; quando sono infreddolite.

Non so se, questo, l’hanno ravvisato gli scienziati ma secondo Sciamani, quando tu sei, senti molto freddo, ti senti – la tua Anima si sente – come un bambino che è stato abbandonato dalla mamma, quindi che non viene più scaldato no? La mamma scalda il piccolo, perché il piccolo ancora, probabilmente, non ha ancora un sistema di termoregolazione buono, comunque sente freddo, no? la mamma lo scalda; quando la mamma va via per molto tempo, il piccolo comincia a sentire freddo e il suo corpo emana un odore diverso.

Quest’odore è simile all’odore della paura, perché quando sente freddo ha paura che la madre non torni, no? Ha una paura particolare, ha paura della morte – el miedo de la muerte – questo…quando il freddo è forte, se il freddo è debole, ancora no. Allora, quando tu senti, prendi un’infreddatura, prendi freddo, questo emana un odore che attira la pantera ma attira, in generale, tutti gli Spiriti di influenza e raffreddore che cacciano in modo simile al felino. In effetti, no? È una cosa ben nota che, prendendo freddo, ci si ammala più facilmente di influenza e di raffreddore. Una cosa che gli scienziati, credo, non siano mai riusciti a spiegare.

Anzi, fino a qualche tempo fa – forse qualcuno lo fa ancora – con una tipica arroganza che hanno spesso i medici, sostenevano che non era assolutamente vero, che “era una fantasia, una coincidenza che le persone prendessero freddo e poi si ammalassero di influenza, raffreddore, polmonite…”. Ovviamente è un’assurdità, perché tutti sanno che avviene così; è ben noto che se tu passi una notte all’addiaccio, probabilmente, ti buschi perlomeno un raffreddore.

Io ho preso, nel 2007, una polmonite perché, durante una ricerca di Potere, una ricerca di una Visione, mi sono trovato nel deserto Australiano, di notte, senza sacco a pelo, senza niente – di notte, nel deserto Australiano fa un freddo terribile, mentre di giorno fa caldissimo, 40° – avevo un fuoco, naturalmente, ma poi il fuoco si è spento e non c’erano altri arbusti per alimentarlo e, quindi, ho sentito un freddo tremendo, veramente “el frio de la muerte” -”il freddo della morte”; mi sono sentito gelare dentro e non ho mai provato un freddo simile e, il giorno dopo, stavo male. Mi è venuta la febbre e avevo una polmonite e, naturalmente, era un’infreddatura. L’odore della mia pelle era cambiato e ha attirato, anche da lontano, un predatore; perché nel deserto ce ne sono pochi. Nel deserto ce ne sono pochi, però, emanando quell’odore lì, arriva da lontano; perché lo sente fin da lontano.

Adesso, alcuni medici, naturalmente, hanno delle teorie per spiegare da un punto di vista scientifico perché, con il freddo, più facilmente ci si ammala di raffreddore ed influenza, sostengono che etc etc … Una volta, sostenevano che era dovuto al fatto che, le mucose diventavano più secche, passando dal freddo al caldo delle case riscaldate; tutta una strana teoria. Le case riscaldate non c’entrano niente, perché, naturalmente puoi anche rimanere al freddo, senza entrare in una casa riscaldata e ti ammali lo stesso, com’è successo a me. Io, prima che arrivassi in una casa normale – e che non era nemmeno riscaldata perché non era Inverno era Estate – è passato un altro giorno ma io avevo già la febbre che poi si è rivelata polmonite.

Comunque, ecco…questi sono, per esempio, due odori che attraggono gli Spiriti di influenze e raffreddori. Ce ne sono anche altri, che sono specifici di quello specifico predatore, ovviamente. Ad esempio, sappiamo che questi predatori colpiscono – tipicamente le influenze – colpiscono persone deboli, anziani o etc, più facilmente.

Naturalmente le persone deboli, più spesso, prendono freddo; probabilmente hanno una regolazione termica peggiore, nel corpo. Più spesso prendono freddo, più spesso prendono infreddature, più spesso emanano quell’odore lì. E anche, colpiscono persone già malate. Anche le persone malate emanano un odore particolare della pelle, anche questo attira questi predatori.

Anche se può sembrare naive, a chi crede molto nella scienza, cioè diciamo, a chi è abituato al linguaggio scientifico, questo può sembrare naive ma, in realtà, crediateci o no, la Pantera, come gli altri predatori di questo tipo…è attratta da odori che noi emaniamo. Ora, gli odori, si sentono meglio con il freddo, si diffondono di più; perché la pantera, appartiene all’Altra Realtà ma si muove in questa e i virus, benché molto piccoli, sono in questa. Ed in questa Realtà, in questo Mondo, gli odori si diffondono meglio con il freddo. Tutti quelli che vanno a caccia sanno che, i cani, fiutano meglio nelle giornate fredde ed umide; il freddo umido favorisce la diffusione degli odori. 

Quindi, questa è una delle ragioni, per cui, la Pantera nera, no? preferisce cacciare d’Inverno, quando gli odori si sentono meglio.  Ce ne sono altre di ragioni è che si tratta di Spiriti che lavorano nell’ombra, che preferiscono – come tutti i felini predatori, in effetti – cacciare se non la notte, all’alba o al tramonto; nelle ore dove non c’è molto sole, comunque. Preferiscono muoversi col buio, o col “quasi buio”, con la luce crepuscolare.

Questa è un’altra ragione, vedete d’Inverno le giornate sono più corte, sono più corte e, quindi, la gente si muove di più all’esterno, no? al buio, piuttosto che d’Estate, quando il buio è molto più breve e la gente, al buio, di solito sta dentro casa; e, quindi, ci sono più prede in giro all’esterno, durante le ore buie o durante le ore crepuscolari, che sono quelle preferite da questi predatori. Inoltre, d’Inverno le giornate sono, spesso, poco soleggiate e, anche questo, la pantera lo preferisce, sono più adatte per la caccia, per lei; perché ama l’ombra.

Questo un po’ tutti i felini cacciatori, di cui condivide il Potere. Non voglio dire che è, letteralmente…. una Pantera. Diciamo che ha un Potere analogo, molto simile, a quello che attraversa anche le pantere in questo Mondo; tutti i felini, predatori, sono un po’ così ma la Pantera, in particolare, perché è nera. Essendo nera, si avvantaggia molto dell’oscurità, quindi, questo tipo di predatore, preferisce di gran lunga… le giornate buie e invernali, ovviamente; e questa è un’altra ragione, per cui, preferiscono cacciare in Inverno.

Ma – ripeto – la Pantera Nimur, di cui noi stiamo parlando, avrebbe potuto trovare, in questo caso, in quest’epidemia particolare, ottime ragioni per cacciare anche d’Estate. Perché? Perché la gente era molto spaventata; la Paura le attira – essendoci tanta paura, anche se gli odori si trasmettono peggio d’ Estate, però, essendo la paura tanta – l’odore è molto forte e, quindi, riesce a cacciare lo stesso; in più, tanta paura, per lei è tanto nutrimento perché, l’odore della paura… la nutre in sé stessa.

E questa poteva essere un’altra buona ragione, naturalmente. Quindi, quando ci sono queste influenze eccezionali, diverse dal solito, lo Spirito dell’epidemia potrebbe voler decidere di continuare a cacciare anche d’Estate. Lo so che …è questa la differenza anche tra gli Scienziati e gli Sciamani.

Gli scienziati vedono la Natura come se fosse un meccanismo, come se le cose avvengono per ragioni meccaniche, eternistiche, obbligate. Il virus, forse, non può trasmettersi d’Estate, o forse, può trasmettersi d’Estate, forse può trasmettersi poco d’Estate…è una cosa “è un meccanismo obbligato che avviene, in qualche modo, per una serie di ragioni che si combinano” e loro calcolano, no? se prevalgono delle ragioni, piuttosto che altre ma “tutto avviene meccanicamente”.

Per lo Sciamano non è così. Secondo noi, il punto di vista dello scienziato è semplicemente sbagliato è come stare… “sulla superficie della pallina”. In realtà, c’è dietro qualcos’altro; c’è, semplicemente, la volontà della Pantera. Cioè ci sono degli Spiriti, dietro determinate cose che sembrano meccaniche, i quali Spiriti hanno, semplicemente, una volontà…. prendono delle decisioni; le decisioni, sono basate su delle cose obbligate, diciamo – che gli odori si sentono meno, o si sentono di più – ma, ci possono essere i pro ed i contro e possono decidere diversamente. La Pantera, può decidere di mettersi ad andare a caccia in Estate, anche se non è il suo ideale, di solito.

La mia trattativa serviva, appunto, ad evitare che la Pantera facesse questo; a convincerla di andare via, ad andarsene in vacanza in Estate, ad andarsene in riposo e questo è accaduto. La Pantera ha accettato e se n’è andata via, dopo alcune esitazioni – ha cambiato idea un paio di volte – ora bisogna agire in modo tale che non ricambi idea di nuovo, ecco; perché, appunto, se tutti si mettono ad uscire di colpo, alla fine del lockdown, potrebbe essere – essendoci tanta gente indifesa – potrebbe essere un’ottima occasione per la… – indifesa e distratta – potrebbe essere un’ottima occasione per la Pantera per decidere “ma perché no? Facciamo un altro salto da quelle parti, facciamo un’altra battuta di caccia”, no? Ecco.

Ecco, questo video è molto lungo e, quindi, ci fermiamo qui.

Gracias a todo el Mundo. 

Buenas Tardes.