Ricerca dell'Arùtam

(11 - 15 luglio oppure agosto 2003)

Nella tradizione Shuar, uomini e donne quando sono ancora ragazzi, ma a volte più tardi, vanno sotto la guida di un uwishìn (sciamano) alla ricerca del loro arùtam.
L'arùtam è un fortissimo Spirito protettore personale, simile a un animale totem o una madre animale, ma nella mia esperienza raramente uno di questi equivalenti ha un potere paragonabile all'arùtam, grazie anche alla potenza del rituale per cercarlo.
Contrariamente a quel che fanno credere nei seminari New Age, dove si può trovare un animale di potere anche con un mazzo di carte o una meditazione, il potere di uno Spirito guardiano è proporzionale all'impegno, le difficoltà e il potere del rituale per trovarlo.
L'arùtam proviene dal Mondo Sotto le Acque, la Dimora degli Antenati, è di solito infatti lo Spirito di un vostro Avo, o meglio il suo Potere.
Questo può manifestarsi nella sua forma umana, ma più spesso avrà cambiato forma nel suo cammino dopo la morte apparendo così talora come un Animale, ma anche come Albero, Pietra, una Montagna, la Foresta, il Sole...
In modi diversi, secondo la sua natura, l'arùtam porta comunque la fortuna e il successo, il potere personale e la capacità di materializzare il proprio Sogno.
Durante il rituale, che si svolge in un luogo segreto nella natura, sotto la continua guida di un uwishin e talora di un suo assistente, l'arùtam può manifestarsi in modo pauroso - se la persona ha il coraggio di toccarlo almeno con la punta di un bastone sacro, allora ne acquista il Potere e la protezione.
A questo punto l'arùtam gli o le racconta il Sogno, ossia ciò che alla persona accadrà nella sua vita, dandole al contempo il Potere per realizzare ciò. Poiché infatti l'arùtam stesso è questo Potere.
Dopo qualche mese i Poteri dell'arùtam iniziano a manifestarsi, fino ad allora la sua identità dovrà esser tenuta segreta. Il Sogno può includere l'intera vita, in tal caso l'arùtam resterà con noi fino alla morte.
Più spesso però realizziamo il Sogno in alcuni anni e quando ciò accade, l'arùtam non ha più ragione di rimanerci accanto.
Nella cultura Shuar si intraprende allora la ricerca di un nuovo arùtam e di un nuovo Sogno.

Qualche rara volta, accompagno qualcuno alla Ricerca del suo arùtam qui in Italia. Questa è la prima volta che lo segnalo sul sito.
Secondo tradizione, i partecipanti alla Ricerca, dopo aver digiunato, andranno insieme allo sciamano in una località segreta isolata nella Natura in Trentino. Qui resteranno per 2 o 3 giorni. Il quarto giorno lo sciamano ascolterà individualmente le visioni e le chiarirà secondo la sapienza Shuar. Dopodiché si farà ritorno.
Probabilmente non tutti incontreranno il loro arùtam oppure lo incontreranno ma non avranno abbastanza coraggio e si spaventeranno.
Come per tutte le cose davvero importanti non c'è garanzia di successo.
Chi però troverà l'arùtam vedrà la propria vita e la propria fortuna trasformarsi in modo spesso impensabile.

La Ricerca dell'Arùtam durerà in tutto 4 o 5 giorni, dall'11 al 15 luglio 2003.
Per ragioni climatiche, la Ricerca può tenersi solo in Estate.
Come da tradizione Shuar, potranno partecipare al massimo 5 o 6 persone.

La quota è di € 600, tutto incluso.

Il rito verrà condotto da Francesco Tsunki de Giorgio, uwishìn (sciamano e curandero) Shuar.
Questa pratica non è adatta a tutti, per informazioni più precise scrivetemi a [email protected] o, meglio ancora, telefonatemi allo 0463-536904.

Questa Ricerca dell'Arùtam è COMPLETA. Non ci sono più posti disponibili.
Un'altra ricerca si terrà in agosto o settembre. La data verrà stabilita insieme con i partecipanti.