L’ITALIA NON HA BISOGNO DI SCIAMANI (destino degli eventi aperti al pubblico)

In un commento allo scorso post, Marco scrive: "Secondo me è un buon cambiamento e non vedo perché le persone dovrebbero andarsene."
In realtà invece penso che, come in altre occasioni, abbia ragione l'uwishìnwink

Anzitutto, il post ha avuto solo 3 commenti, in pratica non interessava nessuno, come immaginavo… Perché comunque la stragrande maggioranza delle persone se nel workshop non gli si insegna a diventare sciamani o almeno curanderos in un weekend (… scarso, poco piu di 1 giorno, arrivando alle 11 e andando via non oltre le 13 perché poi devono prendere il treno :D ), l'evento non interessa un fico secco.

E infatti a 10 gg. di distanza dalla chiusura delle iscrizioni, il prossimo Rito di Sostituzione degli Occhi ha solo 10 iscritti, il valore di gran lunga più basso da anni e anni a questa parte e ottenuto in precedenza solo in pochissimi casi in cui il Cerchio quasi sempre fu poi cancellato. Ma è accaduto in tutto 4 volte, quasi tutte su argomenti che immaginavo già non interessassero i più.
Di solito a quest'epoca avevamo 18-20 iscritti o anche oltre.
Ma sopratutto gli iscritti al prossimo Rito del 16-17 maggio sono quasi tutti apprendisti curanderos o comunque persone che hanno tséntsak, i nuovi  – ossia quelli che non possono apprendere la tecnica di sostituzione – sono… uno!
Se non do l'illusione di apprendere un'arte di guarigione spirituale in meno di 24 ore, la gente non viene!
Si può, come ho già detto, insegnare un'arte sciamanica in 24 ore, ma all'acqua di rose: funzionerà le prime volte, poi il Potere calerà, darà solo blando beneficio e comunque si incontreranno casi imprevisti che non si sanno trattare.
Si poteva continuare a farlo, ma invece non potevo perché i pochi davvero interessati seriamente erano pronti per lavori molto più profondi. E nello sciamanesimo se all'inizio insegni una cosa in modo leggero, fai fatica poi a renderla forte e profonda: l'impronta iniziale tende a persistere…

La mia intenzione era di fare pochi eventi aperti a tutti, non più di 3 all'anno, dove le persone nuove o che comunque non seguono  cammini avanzati possano sperimentare Riti sciamanici che accrescano il loro Potere e la loro saggezza oppure ricevere una cura spirituale.
Ma  i primi, i Riti, come un rito per ottenere occhi nuovi, non interessano gli Italiani, perché sciamanesimo, quello vero intendo, non psicoballe new age, non fa per loro.
Come già detto e scritto in altri post.
Interessano, o almeno interessavano, seminari in ci si illude di imparare una curanderia come veri curanderos, perché illusioni piacciono molto e fanno sentire importanti.
Per molti era importante assumere vaghi insegnamenti sciamanici a pizzichi e bocconcini, senza  impegno, in modo da sentirsi di fare qualcosa di valore senza far fatica né mettere in gioco niente tranne un mezzo weekend ogni tanto e solo quando non hanno di meglio da fare. Si poteva continuare a lasciarli venire così, ma questo toglieva Potere al lavoro anche per le persone più serie.
Non che uno non possa venire ogni tanto, senza seguire nessun corso, ma non può però pensare di mettersi a sciamanizzare o insegnare sciamanesimo agli altri! Può invece partecipare a un Rito in cui accrescere davvero conoscenza e Potere (e non solo fingere di farlo!) oppure chiedere una cura.

In realtà la mia prima intenzione, come sanno i miei apprendisti, era di chiudere del tutto con gli eventi aperti al pubblico e condurre solo corsi e Riti riservati a chi ha già una preparazione ossia le persone del Cerchio.
Ma prima di prendere una decisione ho bisogno di conferme da parte degli Spiriti, conferme nei fatti e di non basarmi solo sulle mie sensazioni.
Se al Rito di Sostituzione degli Occhi verrà abbastanza gente nuova – cosa improbabile visto il trend attuale – allora faremo un altro evento aperto a tutti a fine agosto o piu probabilmente in ottobre. E basta per quest'anno. È molto probabile infatti che il Rito per il Solstizio del 20-21 giugno sarà riservato a chi ha gli tséntsak.
Mentre se ho conferma che questi Riti non interessano, questo di Sostituzione degli Occhi sarà l'ultimo evento aperto al pubblico.

Nel futuro allora a corsi, Riti ed altri eventi potrà partecipare solo chi ha gli tséntsak.
Chi vuole fare l'acquisizione degli tséntsak potrà chiederlo e, se sconosciuto, servirà prima un incontro privato con me o uno dei miei apprendisti sciamani.
Questa è indubbiamente la via che prediligo.

Resterà comunque possibile venire come paziente in alcuni Cerchi di Curanderia, come nello scorso su Limpieza e Curanderia.

Il sito invece resterà e si rinnoverà. Finché ci sono apprendisti pronti a "tassarsi" per mantenerlo vivo e vegeto. E di questo, anche se  magari serve a pochi, estoy muy feliz, sono molto contento!

Di più non credo serva. Come detto e ripetuto, l'Italia non ha bisogno di sciamani.

____

ánimo y fuerza

Tsunki

 


 

 

12 commenti

  • Solo ora ho letto il blog ed anche il post precedente!
    Condivido pienamente sul fatto che sia giunto il momento, dopo 12 anni di “semina”, di apportare dei cambiamenti per non disperdere il Potere di quello che hai costruito e se questi richiedono una diversificazione dei partecipanti ben venga: i tempi sono maturi per poterlo fare, credo. Nel tempo le basi le hai gettate,anche per avere un gruppo stabile di partecipanti ai cerchi avanzati. Spero nel mio cuore di poter esserci ancora tanti anni, come fin ora è stato, ed apportare il mio umile contributo per quanto mi sarà possibile.
    Gracias Nantu

  • Faccio parte di quelli che non ha commentato il post precedente. Posso dire però, che nel mio caso non è la mancanza di perseveranza che richiede un via a mancarmi, ma il tempo. Quando vi ho conosciuto andavo ancora al Liceo e ora studio contemporaneamente all’università e al conservatorio.. Il tempo per organizzarsi e mettere da parte risparmi è carente.. Spero di riuscire ad abituarmi al ritmo e cambiare qualcosa.

    Condivido appieno ciò che dici, mi sento il primo a non meritare certi insegnamenti. L’Italia non ha bisogno di sciamani… Ma qualcuno non si sente italiano. Personalmente non ho mai avuto l’intenzione di sciamanizzare, ma semplicemente di acquisire consapevolezza e vivere con forza.
    Vi auguro con tutto il cuore di costruire qualcosa bello, e spero che un giorno possa contribuire.

  • Qualcuno diceva che il cambiamento porta tanto potere ed io questo lo constatato personalmente. dopo il licenziamento del 2012 ed il mio viaggio in Australia del 2013 molto è cambiato nella mia vita.
    La ricerca dell’Arùtam ha portato cambiamenti, in meglio, nella mia vita di tutti i giorni ed ha portato cambiamenti nel profondo della mia anima.
    Tutto mi è più semplice tutto mi è più facile.
    Le basi che tu hai costruito Tsunki adesso devono essere solidificate e se questo deve portare un radicale cambiamento , che ben venga…..
    Chi ti vuole seguire ti seguirà fino in fondo, il resto non conta…

  • Mi spiace leggere questo.
    Personalmente avrei seguito Corsi, Riti e Cerchi se ne avessi avuto le opportunità, finanziarie soprattutto ma quando non hai di che mangiare letteralmente parlando, diventa più che problematico.
    Investii tutto quello che mi era rimasto per un solo Cerchio ma più di quello non mi è stato possibile.
    Comunque Spiriti mi hanno aiutato e continuano a farlo. Volevo e Voglio seguire questa Via, aiuto gli altri e me stessa.
    Sicuramente l’Italia non è pronta. Proprio ieri ho letto un post su Facebook di gente che va cercando Specializzazioni Universitarie sullo Sciamanesimo; mi si è accapponata la pelle… ed ho detto Tutto.
    Questa la cultura di cui il Ns paese è succube “Tutto s’impara su libri ed a scuola, persino una Via Spirituale Antica come il Creato, insegnat da professor PinkoPallo”.
    Viverle le cose é di gran lunga più faticoso. Per questo piace molto la Religione fatta e finita, perchè in fondo si basa su racconto scritto da altri, la si legge, si pensa di averla capita, si prega in automatismo a nenia continua ma non ci sono intenti se non individualistici, non ci sono confronti diretti, non c’è sforzo ne Creatività, non si evolve mai.
    Anche quando uno Spirito come la Madonna dice “Pregate” la gente non lo capisce. Pensa che deve recitare in loop, tal preghiera, imparata a memoria e che sia sufficiente così…invece non è questo che lo Spirito intende ma si cresce con quest’idea e questo è e resta, da applicare anche a tutto il resto, ovviamente.

    Forse non saremo tutti Sciamani ma non siamo nemmeno tutti Sciamanisti del week-end.
    Non avrò partecipato a Grandi Spedizioni e Riti ma ho fatto e faccio Tesoro di ciò che ho appreso dagli insegnamenti di Sciamani incontrati e quindi anche dai Suoi….il Resto lo Vivo, con fiducia di essere sul Sentiero giusto.
    A Tutti, Suerte.

  • L’Italia, l’Occidente ha un bisogno estremo di sciamani, ma non se ne rende conto. Abbiamo bisogno di veri curanderi, abbiamo bisogno di Spiriti che portino un Sogno, che diano un senso alle nostre vite.

    Facile farlo? No, difficilissimo. Tutto rema contro.

    Me ne sono reso conto in particolare l’anno scorso, andando in Ecuador, e avvicinandomi a quello che resta degli Shuar. Alcuni mi hanno anche chiesto di fare loro delle curanderie… perché lì ce ne sono sempre di meno che le fanno! Eppure lì si viene accettati, “capiscono” cosa può fare un curandero o un Uwishin, che ha (o quantomeno aveva) un ruolo riconosciuto. Poche volte nella vita mi sono sentito così “vivo” – anche se non curandero, anche se non Uwishin.

    Al ritorno sono stato per 2 settimane stralunato, ho intravisto le sovrastrutture inutili del vivere occidentale, quanto è complicato il nostro mondo, e quanti veleni ci uccidono. Poi sono ritornato nel solito tran-tran, e progressivamente me ne sono dimenticato.

    Spero caldamente che tutti i semi che hai gettato in questi anni germoglino e crescano piante forti e rigogliose. E mi unisco a Nantu nella speranza di poter apportare il mio piccolo ed umile contributo a questa opera.

  • Condivido quanto scritto da Nantu sui tempi anche se negli ultimi anni non sono nel gruppo stabile dei praticanti.

    Per quanto riguarda il rito, domani so quando operano mia figlia, motivo per cui finora ho indugiato e se non coincide più o meno la data, potrò essere della partita, cosa che spero perchè per il solstizio dovrò essere all’estero.

  • Una grossa ciste di 10 cm di diametro tra le ovaie.

  • Francesco de Giorgio

    Ho preso una decisione… salomonica, che potete trovare qui: http://forum.sciamanesimo.org/viewtopic.php?f=1&p=21728#p21728

    In sostanza, ci sarà d’ora in poi un solo evento aperto a tutti all’anno.
    Il prossimo sarà dunque nel gennaio 2016.

    Gracias a todo el mundo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter Captcha Here : *

Reload Image